Un anno a Boscodirovo. Un libro di Jill Barklem

View Gallery 14 Photos

Oggi vorrei recensirvi uno dei miei libri preferiti: “Un anno a Boscodirovo – Storia di primavera, Storia d’estate, Storia d’autunno, Storia d’inverno” di Jill Barklem.

È un volumetto che mi sta molto a cuore, quando ero piccola mi piaceva molto leggerlo perché riuscivo a perdermi totalmente nelle illustrazioni e mi sembrava di essere là a Boscodirovo.

“Per generazioni, famiglie di topolini hanno costruito le loro case nelle radici e nei tronchi degli alberi di Boscodirovo, un bosco fitto di rami e radici sull’altra riva del ruscello, tra i campi”

(Barklem 1980).

Il volume è composto da quattro storie una per ogni stagione, come ho detto prima, le illustrazioni sono molto ricche di particolari e a parer mio trasmettono molto, nel leggerli emergono tanti valori: l’amicizia, la famiglia, l’amore, la voglia di stare insieme e condividere i piccoli piaceri della vita come la neve o mangiare una buona fetta di torta!
Non solo le illustrazioni sono affascinanti anche i racconti trasmettono svariate sensazioni, profumi ed emozioni.

La storia che più preferisco tra le quattro è “Storia d’inverno”, credo che sia attraverso le illustrazioni sia attraverso le parola si riesca a percepire l’atmosfera dell’inverno, del Natale, delle feste.

È incredibile come si riesca a sentire il calore del fuoco e il profumo dei pasticcini appena sfornati, forse è proprio per questo che da bambina mi piaceva tanto!
Vi consiglio di leggerlo ai vostri bimbi, per regalare anche a loro l’emozione di veder cader la neve e aspettare l’indomani per poter uscire a giocare a palle di neve, fare pupazzi e andare con la slitta, proprio come i topolini di Boscodirovo.

La cosa che più mi colpiva da piccolina era il magnifico Salone del Ghiaccio, costruito dai topolini per il Ballo della Neve; un maestoso palazzo tutto di ghiaccio, trasparente e luccicante pronto ad accogliere i topolini per danze, balli e per assaporare gustose prelibatezze.

Insomma come potete aver capito sono storie che mi sono rimaste nel cuore; vi consiglio di leggerlo a partire dai 4/5 anni per via delle illustrazioni articolate e per la lunghezza delle storie, che probabilmente i più piccoli non apprezzerebbero.
Buona lettura!

Autore Jill Barklem
Età consigliata dai 4/5 anni

Un anno a Boscodirovo
  • Illustrazione
    9
  • Trama
    8
  • Stile scrittura
    7
  • Aspetto estetico
    8
  • Rapporto qualità / prezzo
    7
  • Valutazione complessiva
    8
The Good

Acquistabili sia singolarmente che nel cofanetto da 4 volumi

Singolarità della storia e delle illustrazioni

The Bad

Il cofanetto ha un formato piccolo, le illustrazioni si apprezzerebbero di più in un formato più grande

0
7.810
No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.