Estate proteggiamo i bambini

La stagione calda tanto attesa è ormai arrivata, è la stagione che ci consente di vivere di più all’aria aperta ma occorre prendere le giuste precauzioni per proteggersi dal caldo.

I bambini contrariamente agli adulti sono più sensibili al caldo, la loro poco efficiente dispersione del calore e l’eccessiva sudorazione li espone a rischio di disidratazione.

Come proteggerli quindi dal caldo?

L’acqua è il rimedio naturale per la disidratazione ma la quantità da dare ai bambini deve tener conto dell’età del bambino, se neonati o comunque nella fase di allattamento tener presente che circa il 90%  del latte è composto da acqua; durante lo svezzamento si può dare loro piccole quantità di acqua; mentre per i più grandi è importante farli bere spesso.

L’abbigliamento deve essere leggero e in fibra naturale tale da favorire una buona traspirazione e nei luoghi aperti proteggerli con copricapo e creme solari.

I luoghi chiusi devono essere ben areati sfruttando le ore mattutine e serali per rinfrescarli.

Durante le ore più calde evitare l’esposizione diretta al sole privilegiando luoghi ben ombreggiati e comunque sempre con le giuste protezioni.

Ai bambini al di sotto dei sei mesi evitare l’esposizione diretta al sole, mentre per i più grandi evitare che svolgano attività fisica e/o sportive nelle ore centrali della giornata.

Altra attenzione da porre è sull’alimentazione che in questa stagione deve essere fresca, leggera, ricca di acqua e sali minerali (frutta e verdura di stagione).

Curare l’igiene nel preparare gli alimenti e conservare quelli deperibili (latte, latticini, dolci, creme, carne, pesce, cibi cotti, frutta, etc..) in frigo.

L’igiene nella preparazione e la cura nella conservazione degli alimenti è sempre molto importante ma ancor di più lo è in questa stagione perché le temperature elevate favoriscono la contaminazione degli alimenti.

Limitare i cibi grassi che servono all’organismo per produrre calore non richiesto in questa stagione.

Quindi in sintesi le attenzioni da seguire:

  • Quando si è fuori casa portare con sé dell’acqua naturale in bottiglietta o nel biberon a seconda dell’età del bambino e offrirgliela seguendo le raccomandazioni suddette.
  • In casa arieggiare soprattutto nelle ore mattutine e serali, evitare di uscire nelle ore centrali della giornata evitando l’esposizione diretta al sole particolarmente ai bambini di età inferiore ai sei mesi.
  • L’alimentazione deve essere sana, variegata e appetitosa, preziosa alleata per affrontare il caldo, quindi cibi più sani come frutta e verdura di stagione, cibi semplici e leggeri, purchè ricchi di acqua e sali minerali, alimentazione calibrata sui bisogni nutrizionali dei bambini dalla prima colazione e merende al pranzo e alla cena.
No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.