I capricci: ecco come si possono affrontare

Pianti, urla e grida: è difficile affrontare i capricci! Cosa c’è dietro al capriccio? Una richiesta d’attenzione? Si tratta solo di nervosismo?

Gli esperti ci dicono che il capriccio è un vero e proprio disagio, Maria Montessori parlava infatti di risposta vitale di difesa.

Il capriccio è una reazione del bambino ad un certo avvenimento; il bambino viene travolto da una serie di emozioni che non riesce a gestire e controllare, di conseguenza piange e urla. Ci sono altre volte in cui il bambino utilizza il capriccio per ottenere ciò che vuole, perché è una modalità comunicativa in lui consolidata.

Come si possono affrontare i capricci?

È bene non sottovalutare il capriccio, bisogna capire da cosa può essere scaturito.

Molte volte il bambino ha bisogno di metabolizzare i vari cambiamenti piccoli o grandi che siano. Ad esempio: se il bimbo è intento in un gioco e noi bruscamente lo mettiamo a tavola perché è pronta la cena questo potrebbe provocare in lui una reazione di nervosismo.

Oltre a chiederci come mai il nostro bimbo si lagna proviamo a chiederci cosa ha dato vita a questo atteggiamento.
La prima cosa da fare è ascoltare il bambino e cercare di capire quali sono le regioni del capriccio, cercando delle possibili soluzioni. Se il capriccio è nato per ottenere qualcosa è bene non cedere, facendo in modo che capisca che non tutto è dovuto.
L’importante è offrire ascolto e attenzione, rispondere ai tempi del bambino, che per la maggior parte delle volte non sono uguali ai nostri. Infine non additiamo il bambino come “capriccioso” ma facciamolo sentire compreso.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.