Gioco bimbo 4 anni: l’occhio della mente 😛

Gioco bimbo 4 anni

Gioco bimbo 4 anni in casa: cosa propinargli per farlo sorridere e stuzzicare la sua curiosità? Una bella domanda, che tanti genitori continuano a porsi.

Tieni molto al piccolo e desideri che si goda appieno la sua età.

Quando crescerà impegni e responsabilità lo sommergeranno. Finché si può costruiamoli attorno un’atmosfera allegra e spensierata! Con un anno d’asilo alle spalle, ha già imparato tante cose. Maturate le prime esperienze, sa ora come relazionarsi coi coetanei. E si dimostra più reattivo rispetto agli stimoli che gli mandiamo. Il gioco bimbo 4 anni diventa un po’ più elaborato.

Gioco bimbo 4 anni

Memory

Risveglia le capacità mnemoniche. Come dice la parola stessa, e come probabilmente avrai già sentito raccontare a riguardo, il gioco mette sotto allenamento la memoria visiva, area che col passare degli anni crescerà per importante, negli studi e non solo.

Inoltre, aggrega la famiglia al gran completo: pochi giochi reggono il confronto in quanto a capacità di stuzzicare bambini e adulti!

A maggior ragione quando fuori le temperature si abbassano e si perde un po’ la voglia di uscire. Il regolamento è chiaro e intuitivo.

Come primo passo bisogna calare casualmente tutte le carte sul tavolo. Capovolte, mi raccomando! A turno i giocatori girano due tessere ogni turno, mostrandole agli avversari e cercando di trovare due figure uguali.

Chi ci riesce, prende le carte e continua a giocare. Chi sbaglia, ricopre le carte girate e il turno passa al prossimo giocatore.

Una volta che tutte le coppie sono state abbinate correttamente (e non ve ne sono quindi più sul tavolo) si contano le carte in mano a ogni partecipante. L’obiettivo è accumularne il numero maggiore.

Alla fiera dell’est

La musica è una passione che vi unisce?

E perché non cimentarvi come compositori?

Partendo da “Alla fiera dell’est” create una nuova canzone, seguendo la stessa struttura. Ecco il testo originale:

Alla fiera dell’est
per due soldi
un topolino mio padre comprò.

E venne il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne il bastone
che picchiò il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne il fuoco
che bruciò il bastone
che picchiò il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne l’acqua
che spense il fuoco
che bruciò il bastone
che picchiò il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne il bue
che bevve l’acqua
che spense il fuoco
che bruciò il bastone
che picchiò il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.
Rit.

E venne il macellaio
che uccise il bue
che bevve l’acqua
che spense il fuoco
che bruciò il bastone
che picchiò il cane
che morse il gatto
che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.

Giochi di ruolo

Più crescono e più la difficoltà del gioco bimbo 4 anni animazione sale. Superati i 3 anni assume forme discretamente articolate, attinte però sempre da situazioni familiari ai piccoli.

È infatti necessario che si immedesimino in ruoli comuni (mamma e papà, dottore, maestra, …) oppure derivino da un libro o un cartone, che stia loro particolarmente a cuore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.