La pedagogia ed i suoi luoghi

La famiglia è un luogo della pedagogia. La casa, la scuola, la palestra, la strada, i pari e gli amici sono luoghi della pedagogia.

La relazione è il luogo della pedagogia.

Se l’etimologia del termine pedagogia significa “arte di guidare i fanciulli”, e se questa definizione non è in alcun caso oggi completa ed univoca, visto che nei secoli il rapporto della pedagogia con l’educazione si è articolato, nulla vieta di pensare che i luoghi educativi formali, non formali ed informali siano luoghi in cui è agita la pedagogia. Per essere precisi, la pedagogia è correlata all’educazione come riflessione sulla concreta esperienza educativa. Quest’ultima nella relazione adulti-bambini/adolescenti, significa condurli verso il loro futuro.

Ma agli occhi di tutti è verosimile che la realtà sociale, economica e culturale è inquinata da una crescente crisi generale che ha reso precaria l’esistenza umana. I luoghi della pedagogia, di conseguenza, non riescono ad assolvere la loro funzione in modo sereno e lineare e, “nell’arte di guidare i fanciulli”, soffrono nello scoprire, nell’ indicare il futuro, la via che porta avanti, verso il divenire adulto e più. Una conseguenza di ciò è la preoccupazione educativa degli adulti a focalizzare l’esperienza educativa sul qui ed ora, sull’essere e non sul divenire. È come se la “famiglia delle regole”, quella che aiuta a riconoscere la strada da percorrere si sia risolta ad essere la “famiglia degli affetti” che implica il momento in cui  essi si vivono senza una prospettiva a lungo termine.

Famiglia pedagogia

Ma se questa riflessione rischia di rivelare un quadro pessimistico dell’educazione, conviene ricordare le parole di Vigotskij (1896-1934) il quale sostiene che il bambino apprende in un contesto in cui un adulto o una persona con conoscenze superiori a lui, gli indica il modo, la via, la strada; in qualsiasi caso, perché la pedagogia è prospettiva e perché gli adulti sono responsabili di questo.

Vediamo nella pratica: il bambino (ma anche ognuno di noi) si muove in una zona estesa di sviluppo potenziale (l’educabilità possibile) in cui risiede un nucleo di sviluppo attuale e un altro più esteso di sviluppo prossimo (la ZSP).

Chi educa, quando agisce, propone al bambino comportamenti e ragionamenti a lui ignari. Lo fa in modo semplice e comprensibile fino al momento che lo stato attuale (il nucleo più piccolo) in cui si trova il bambino si espande verso quello prossimo (il nucleo mediano). È questo appena descritto un processo il cui successo permette al bambino di ampliare le sue conoscenze e di muoversi verso compiti più complessi solo grazie a chi gli sta accanto. La frustrazione di una incapacità vissuta nel processo di apprendimento ha un impatto molto ridotto in questo schema. È l’accompagnamento alla crescita che non lo permette.

Ora riflettiamo: l’accompagnamento è educazione, è genitorialità, è metodologia didattica, è istruzione. La riflessione su tutto ciò è pedagogia.

Essa, la pedagogia,  è scienza nella visione in cui è rivolta alla dimensione umana del futuro. Quindi stiamo parlando di responsabilità a restituire il futuro ai nostri piccoli, di accompagnamento nella loro crescita. Ecco, stiamo parlando di pedagogia. Mettiamoci all’opera, ogni giorno e da subito. È vero o no che ci saremmo arrabbiati tutti noi già adulti se qualcuno ci avesse derubato del nostro futuro?

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SERVIZIO CLIENTI



+39 334 743 1709

Lunedì 15.00 - 19.00
Martedì - Sabato 09.00 - 12.00 e 15.00 - 19.00

Diritto di recesso

LIBRERIA ORSO PILOTA



via Zanardelli 66
Sarezzo BS
Italia

P.IVA 03792290987

METODI DI PAGAMENTO



Sicuro con PayPal

SPEDIZIONI IN TUTTA ITALIA



GLS spedizioni

Acquisti superiori ai 40 euro la spedizione è gratuita!

Hey Ciao!

Iscriviti alla newsletter di Occhi di Bimbo per ricevere tutti gli aggiornamenti del blog

Grazie per esserti iscritto!