UN MARE DI TRISTEZZA di A. Iudica, C. Vignocchi, S. Borando

“Tristezza? No, dai! La tristezza proprio no!”

Questo staranno pensando probabilmente molti di voi e questo è quello che mi sono sentita dire tutte le volte che parlando di emozioni affronto il tema della tristezza.

Questo avviene perché spesso quando insorge la tristezza tutto diventa nero,  buio e pare non esserci una via d’uscita, proprio come avviene nel libro, quando il nostro protagonista vede intorno a se pesci tristi, affranti, desolati,… Tanti sono i termini che vengono utilizzati per definire questo stato d’animo e probabilmente alcuni li riterremo più accettabili di altri, anche se poi il concetto e il sentimento di fondo non cambiano.

In realtà, la tristezza è una delle emozioni primarie, innate e fondamentali della sopravvivenza umana.

Il primo motivo riguarda un bisogno fondamentale, che spesso viene trascurato: il bisogno di fermarsi. Quando siamo giù di morale siamo obbligati a fermarci, a darci uno stop, spesso piangiamo, sfogando il nostro malessere e a questo segue una fase in cui riflettiamo su quanto ci sta succedendo. Nel tram tram quotidiano ci ritroviamo ad andare avanti sempre e comunque, senza interrogarci su come sta andando, se c’è qualcosa da migliorare o cambiare, presa una strada difficilmente la mettiamo in discussione, per il timore di aver perso tempo o di realizzare di star sbagliando qualcosa. La tristezza, invece ci impone di fare il punto della situazione e questo potrebbe far volgere il nostro sguardo anche alle possibili strade alternative, alle possibili soluzioni.  È grazie ad un momento di stallo che poi possiamo ripartire con più carica e con le idee più chiare.

Il secondo motivo per cui la tristezza è un’emozione fondamentale è che senza bisogno di tante parole riusciamo a mandare a chi ci sta intorno un segnale d’aiuto, con la possibilità di ottenere attenzioni e un supporto. Spesso ci permette di essere coccolati, di essere ascoltati mostrandoci all’altro in un momento di difficoltà e smarrimento, permettendoci di essere pienamente noi stessi a contatto con un bisogno primario di accudimento. Questo è forse uno dei motivi per cui facciamo fatica a provare questo sentimento, perché inevitabilmente usciamo dal ruolo di persone forti e integerrime, per mostrare, a dire il vero, la parte più reale, profonda e umana di noi.

Tutto questo vale anche per i bambini! Anche i bambini hanno il diritto e il dovere di essere tristi e noi adulti, genitori non possiamo far altro che legittimare quanto loro provano, stando con loro nella tristezza, mostrandogli quanto un abbraccio o una carezza possano trasmettere loro sicurezza e calore. Contrariamente a ciò che si è soliti pensare, i bambini non hanno bisogno di consigli, di incitamenti all’essere sempre felici e propositivi, ma necessitano di essere accettati per quello che sono e che provano, con la certezza di non essere soli in questo.

E così anche il nostro amico pesciolino in un mare di tristezza incontra la tartaruga che lo invita a guardare il mondo in una prospettiva diversa, che gli permette di cogliere un mare completamente diverso, cosa che non sarebbe stata possibile senza essersi fermato a riflettere e a guardarsi intorno.

Dott.ssa Chiara Ghizzardi

Nessun commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

SERVIZIO CLIENTI



+39 334 743 1709

Lunedì 15.00 - 19.00
Martedì - Sabato 09.00 - 12.00 e 15.00 - 19.00

Diritto di recesso

LIBRERIA ORSO PILOTA



via Zanardelli 66
Sarezzo BS
Italia

P.IVA 03792290987

METODI DI PAGAMENTO



Sicuro con PayPal

SPEDIZIONI IN TUTTA ITALIA



GLS spedizioni

Acquisti superiori ai 40 euro la spedizione è gratuita!

Hey Ciao!

Iscriviti alla newsletter di Occhi di Bimbo per ricevere tutti gli aggiornamenti del blog

Grazie per esserti iscritto!