Il diritto all’ozio

bambini

Come vi dicevamo nell’articolo precedente iniziamo il nostro viaggio con il primo diritto naturale dei bambini:

IL DIRITTO ALL’OZIO.

Vivere momenti di tempo non programmato dagli adulti.

Viviamo tutti in un periodo storico in cui tutto è organizzato, scandito che sfreccia ad altissima velocità!
I bambini spesso si ritrovano la settimana pianificata dove non c’è spazio per l’imprevisto, non c’è la possibilità di autogestirsi, di giocare da soli e … perchè no, anche di riposarsi o di fantasticare.

Facciamo un esempio:
Giulia sta giocando con il pongo, è intenta a finire un fiore colorato che vorrebbe mettere in bella mostra sulla sua mensola, ma la mamma ha fretta, c’è il corso di danza e non si può ritardare.
Giulia è talmente intenta e concentrata che non si rende conto della voce della mamma che la sta chiamando; per lei in questo momento esiste solo il suo fiore…
Dopo poco la mamma fa capolino nella stanza spazientita e cerca di prepararla per uscire … la bambina a questo punto per la rabbia di non poter terminare il suo prezioso lavoro, prende il suo fiore e lo distrugge piangendo.
La mamma prova a consolarla, anche se in quel momento le sfugge il perché di tale ostinazione e del brutale gesto.

In questi casi i genitori devono essere come degli equilibristi; in una costante lotta contro il tempo e contro gli impegni presi, ma purtroppo tutta questa frenesia e “la cultura dei tempi stretti” non sono compatibili con i tempi lenti dei bambini.

Il pensiero creativo nasce dove c’è spazio e dove vi è la possibilità di stare e sostare nel tempo.

Giulia stava creando qualcosa di veramente importante e questo suo momento dedicato alla creazione, come quelli di tutti i bambini, favorisce l’apprendimento, stimola l’attenzione e la fantasia.

Se ci pensate la frenesia, lo stress, la fretta, non aiutano l’espressione del talento e la potenzialità creativa né dei piccoli, né dei grandi!

Dovete sapere che anche quando i bambini sembra che non stiano facendo nulla, in realtà imparano costantemente: rumori, odori, colori e tutte queste informazioni vengono analizzate, immagazzinate e saranno elemento per la comparazione di altre informazioni che avranno in futuro; come ci insegna anche Maria Montessori con il concetto di “mente assorbente del bambino”.

L’ozio aiuta il bambino a diventare autonomo, a non dipendere sempre dagli adulti per organizzare il suo tempo, decidere le attività da fare e le modalità di gioco.

Quindi non preoccupatevi se ogni tanto vi sembrano “persi in un mondo alternativo”, fa parte della crescita.
Riprendiamo volentieri insieme a voi anche il pensiero di questa importante studiosa e filosofa Penny Ritscher:
“Il tempo vuoto dei bambini è stato riempito, ma un tempo riempito non è sinonimo di un tempo vissuto pienamente, anzi. Più il tempo viene imbottito di appuntamenti e più si rischia di viverlo in modo superficiale, di corsa, senza godere le cose in profondità. Senza soffermarvisi, senza ricordare, aspettare, rielaborare, respirare, per poi poter ripartire con freschezza verso l’impegno successivo. Un tempo riempito rischia di lasciarci a mani vuote”.*
Ma ora vogliamo lasciarvi con dei simpatici spunti da provare con i vostri bambini.
In questi esempi la regola dell’ozio viene seguita alla lettera!

Suonare la chitarra in pigiama sul divano.

libri per bambini

Leggere per viaggiare in mondi fantastici.

giocare in acqua bambini

 

Stare a mollo finchè l’acqua non si raffredda.

bagno bambini

Dormire come e dove capita.

bagnetto bambini

Parlando con gli animali di gomma.

bambini storie

Guardare fuori dalla finestra, Costruire muraglie e paesi a bordo della vasca. immaginare storie, ascoltare rumori.

HOP!
Al prossimo salto!

*( Penny Ritscher. Slow school. Pedagogia del quotidiano. Firenze: Giunti,2011)

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.