Il diritto agli odori

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta del terzo diritto naturale dei bambini e le bambine:

IL DIRITTO AGLI ODORI.

Percepire il gusto degli odori, riconoscere i profumi offerti dalla natura.

L’argomento di oggi potrebbe sembrarvi banale o strano, ma invece è molto importante per lo sviluppo del bambino e per potersi orientare nel mondo che lo circonda.

L’essere umano per conformazione anatomica ha due importanti sensi che tra loro sono “comunicanti” ovvero l’olfatto e il gusto; se ci pensate quando abbiamo il raffreddore quasi tutti i cibi hanno lo stesso sapore, perchè viene meno il grande lavoro di decodifica olfattiva che avviene nel naso.

Noi adulti conosciamo bene molti odori e di conseguenza molti gusti; potremmo anche mangiare ad occhi chiusi riconoscendo ciò che stiamo annusando o assaporando, per un bambino questo è ovviamente più difficile.

La primavera è stagione di odori e colori per questo oggi vogliamo suggerirvi un’attività molto carina da fare con i vostri bambini che può essere variata e rielaborata all’infinito.

Siete pronti?

Occorrente:

  • 12 contenitori identici con il coperchio, (per esempio quelle delle spezie o i vasetti degli omogeneizzati),
  • spezie di vario tipo (chiodi di garofano, scorza di limone o agrumi etc.).
  • essenze floreali (lavanda, fiori che magari il vostro bimbo conosce) che saranno imbevute in un batuffolo di cotone.
  • nastro adesivo rosso (o del colore che preferite).
  • nastro adesivo blu  (o del colore che preferite).

Preparazione del materiale:

Prendete i vostri 12 contenitori e ricoprite 6 con il nastro adesivo rosso e 6 con il nastro adesivo blu, in modo tale che il bambino non veda il contenuto.

A questo punto create le coppie aromatiche, quindi per esempio in un vasetto rosso metto i chiodi di garofano e li metterò anche in un vasetto blu e così via per tutti gli odori che avete scelto. (per le essenze metterete il batuffolo di cotone imbevuto dell’essenza scelta e poi lo posizionerete nel contenitore)

Preparate a questo punto i vasetti con il tappo chiuso su un tavolino o dove normalmente giocate, disponendo tutti i contenitori rossi da un lato e quelli blu dall’altro.

Ora è tutto pronto non resta che iniziare a giocare!

Il bambino deve annusare gli odori, riconoscerli e confrontandoli, ricomporre le coppie, come se fosse una sorta di “memory” che facciamo con gli odori e non con le carte.

Se volete potete anche abbinare l’immagine corrispondente all’odore, in formato cartolina, una volta che il bambino ha riconosciuto ed abbinato gli odori. (questa parte dell’attività è adatta a bambini di età superiore ai 4 anni almeno)

Periodicamente potete anche sostituire gli odori contenuti nei barattoli così da rendere sempre curiosa questa attività.

Un paio di consigli:

  • ricordate che aromi e le fragranze evaporano dopo un po’ e si sentono meno, perciò controllate e sostituite i batuffoli quando serve.
  • quando sostituirete gli aromi non cambiateli tutti, lasciatene un paio di quelli che il bimbo ha già classificato, in modo tale da non scoraggiarlo o confonderlo.

Speriamo che questa attività vi sia d’ispirazione

e vi faccia passare dei momenti di scoperta con il vostro bambino!

HOP!

Al prossimo salto!

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

occhidibimbo.com partecipa al programma associati di Amazon Services LLC, un programma di promozione progettato per provvedere i mezzi ai webmaster per guadagnare una percentuale linkando a prodotti presenti su amazon(.com, .co.uk, .it etc) e ogni altro sito che può essere affiliato con il servizio associati di Amazon Service LLC.

Le immagini sono realizzate personalmente dallo staff di Occhi di Bimbo o reperite presso la directory pexels.com o realizzate dagli illustratori intervistati ed il copyright è dei rispettivi creatori. Se il loro utilizzo violasse diritti di autore saranno rimosse.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Ogni mio articolo e pensiero è frutto di ciò che provo e di ciò che voglio trasmettere, sarà mia discrezione accettare o meno collaborazioni con brand di prodotti e/o servizi, al fine delle tematiche del blog, al benessere dei lettori e non da meno alla mia etica.