“Bruno e i suoi 100 amici” Bambini e tecnologia

Nativi digitali

Tanto discusso, questo tema è un po’sulle bocche di tutti i genitori con figli nati dagli anni 2000 in poi. E’ un argomento di cui veramente sento parlare parecchio tra genitori, sprovvisti di competenze in questo campo e di conseguenza in difficoltà nella gestione di bambini e ragazzi dal punto di vista tecnologico. In quest’era, in cui tutto è alla portata di tutti, in cui chiunque o “quasi” può avere un account facebook, instagram e chi più ne ha più ne metta, il controllo e la supervisione dei nostri ragazzi è veramente difficile.
Ragazzi e bambini cresciuti in quest’epoca fruiscono e/o subiscono la tecnologia ogni giorno, a questo punto sta ai genitori indirizzare i loro figli ad un uso moderato e consapevole della tecnologia.


Perchè la tecnologia non è “un mostro” così come da alcuni è stata definita, ma come tutte le cose va conosciuta.

Neuroni a specchio – apprendo ciò che vedo

Attraverso i cosiddetti neuroni a specchio il bambino apprende ciò che vede e lo ripropone imitando ciò che ha appena osservato; fatta questa premessa, mi è capitato più volte di osservare bambini dell’età di 2 anni che cercavano di “sfogliare” un libro con l’aiuto del solo indice, come se il libro fosse touch! Questa cosa mi ha fatto pensare;
Certo i bambini apprendono ciò che vedono ma sta al genitore educare ad uso corretto della tecnologia e degli altri strumenti. La soluzione non è infatti allontanare il bambino dalla tecnologia, s’intenda essa come: pc, smartphone, tablet; ma educare noi stessi in primis e i nostri figli poi ad un suo buon uso tenendo conto anche dell’età del nostro bambino.

Bruno e i suoi 100 amici

Dopo questa considerazione iniziale vorrei raccontarvi la storia di “Bruno e dei suoi 100 amici” della casa editrice Clavis. È un libro per bambini uscito da poco, che tratta proprio di questa tematica.
Bruno, un piccolo orso, aveva organizzato una giornata di pesca con i suoi amici ma nel prato trova uno strano oggetto. Bruno è davvero curioso. Così si avvicina all’oggetto e questo si illumina, come per magia.
La cosa si fa interessante, all’interno di quella piccola scatola ci sono immagini, suoni e amici!
L’orso scopre che il misterioso oggetto si chiama cellulare e serve ad avere tanti amici, cento amici sparsi in ogni parte del mondo. Bruno ormai è rapito dal cellulare e lo porta dappertutto…proprio dappertutto anche in bagno!
Trascorre il suo tempo davanti allo schermo, anziché stare con i suoi veri amici a giocare nel bosco.

Ma si sa i cellulari si scaricano e a Bruno succede lo stesso! “Ehi dove sono finiti i miei amici?”.
Bruno aveva perso la cognizione del tempo e aveva scordato che i suoi veri amici si trovavano nel bosco a fare un pic-nic.
Abbracciati i suoi veri amici, Bruno mette da parte il cellulare e continua la sua vita ricca di emozioni e relazioni.

Bruno trova nel bosco un cellulare. In quella piccola scatola ci sono cose straordinarie: immagini mai viste, parola mai lette, suoni mai ascoltati ma, soprattutto, ci sono 100 amici! Ma, saranno amici veri? Una storia sull’amicizia, quella vera. Età di lettura: da 5 anni.

E voi cosa ne pensate? Quanto la tecnologia influenza la nostra vita e quella dei nostri figli?
1 Commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Hey Ciao!

Iscriviti alla newsletter di Occhi di Bimbo per ricevere tutti gli aggiornamenti del blog

Grazie per esserti iscritto!